Inizierei da chi  non sono, non sono solo un’ arredatrice.

Come interior designer mi occupo di rendere la casa un luogo su misura di chi la vive.

Questo comporta che i miei progetti prevedano anche una ridistribuzione degli spazi abitativi, rendendoli su misura rispetto ai desideri e allo stile di chi la abita.

E comporta anche che li renda su misura rispetto al budget che avete scelto di dedicare al progetto.

Quando parlo del budget non mi riferisco esclusivamente al lato economico del progetto, ma anche ai tempi e alle aspettative.

Se per rientrare in tutti i parametri sono necessarie rinunce, differimenti e/o altri “aggiustamenti” vi accompagno nella scelta delle priorità, nel mero senso tecnico del termine, e della valutazione di cosa sia meglio fare prima e cosa si possa rimandare nel tempo.

Per questo nel caso non abbiate tempo o non sappiate a chi rivolgervi, posso occuparmi di farvi preparare più preventivi, in questo modo potrete risparmiare tempo e preoccupazioni.

Se invece avete già aziende di riferimento potrete presentare il progetto e richiedere un offerta su misura, così da non partire da un capitolato di massima e ritrovarvi con spese extra o tempi allungati nella realizzazione del lavoro.

E con questo spero di aver spiegato le differenze tra gli arredatori messi a disposizione nei mobilifici e interior designers.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *